Cute Bow Tie Hearts Blinking Blue and Pink Pointer

Tra pochi giorni in libreria:

sabato 17 ottobre 2015

L'ora delle recensioni special: Shadowdance III La danza delle spade di David Dalglish

Ciao viaggiatori!!! Vi chiederete: ma perché speciale se è una recensione normale? Ebbene dovete sapere che ho letto questo libro per una Challenge organizzata dal blog Loving Books; e recensire il libro è una delle regole. Quindi eccoci qua…


TITOLO: Shadowdance III La danza delle spade
AUTORE: David Dalglish
ANNO: 2014
PREZZO: 12,90€
CASA EDITRICE: Fabbri Editore
GENERE: Fantasy

TRAMA: Sono passati cinque anni dal Kensgold di Sangue. Alyssa Gemcroft, supportata da Zusa, la Senzavolto a capo delle sue guardie, ha preso il controllo della casata un tempo capitanata da suo padre, decisa a ristabilire il potere del Triumvirato. I mercenari, però, hanno un prezzo, e i forzieri della famiglia si stanno lentamente prosciugando. La situazione si fa più critica quando suo figlio, Nathaniel, viene misteriosamente rapito.
Anche tra le Gilde dei Ladri c’è tensione. Dopo la sconfitta non sono riuscite a riorganizzarsi, e le lotte interne stanno minando la loro autorità. E’ arrivato uno straniero, Deathmask, che sta cercando di assumere il controllo della Gilda della Cenere e rovesciare i rapporti di forza. Come se non bastasse, nell’oscurità dei vicoli si aggira una figura misteriosa – il Guardiano, così si fa chiamare – che sembra deciso a eliminare i ladri da tutta Valdaren.
Aaron, Haern, il Guardiano. Il giovane figlio di Thren Felhorn è cresciuto e ormai è un combattente esperto. Vuole solo riabbracciare Delysia, la ragazzina che tempo prima ha salvato, e impedire di tramutare il Drezel in un luogo di lutto e tenebra.

RECENSIONE: Dal secondo volume sono passati cinque anni. I personaggi che conoscevamo sono cresciuti; e ne incontriamo di nuovi: Deathmask, misterioso personaggio che si aggrega alla Gilda della Cenere; Mark Tullen e Arthur Hadfield, di cui però parlerò dopo, e molti altri. Inoltre seguiremo le vicende di Veliana, che avrà un ruolo maggiore rispetto al secondo libro; lei dopo la morte di James Beren, che era a capo della Gilda della Cenere, fa in modo che al potere salga Garrick Lowe. Dopo l’arrivo di Deathmask, però, le cose non vanno più come aveva pianificato e sarà costretta a fare un importante scelta.

Era il terzo tentativo di uccidere Deathmask, e il primo in cui Veliana era coinvolta personalmente

In oltre ritroviamo Alyssa, che è a capo della famiglia Gemcroft, e ha mandato suo figlio nelle terre del Nord per proteggerlo, ma non sa che ci sarà un piano contorto per la sua mano.
In questo libro la ritroviamo molto autoritaria, pronta per svolgere il suo incarico di Lady del Triumvirato. E aiutata da Zusa, che ha scelto di rimanere al suo fianco.

“Senza guida?” sbottò. “Ho protetto il nome dei Gemcroft per cinque anni di guerra clandestina, ho stretto accordi commerciali, ho organizzato le truppe di mercenari, ho corrotto i nobili e ho fatto tutto bene, se non meglio di quanto facesse mio padre, eppure vieni a dirmi che siamo privi di una guida? E perché mai, Bertram?” 
Haern è diventato il Guardiano, o come lo definisco io lo sterminatore delle Gilde, lui uccide chiunque porti un mantello del colore di tali,senza scrupoli. Per seguire un carico d’oro dei serpenti, si imbatte in un assalto a un carro, e decide di fare la cosa giusta (non ho intenzione di dirvi quale, però :P). Questo lo metterà in pericolo e farà vacillare la sua missione.



Al libro do cinque stelle, perché mi piace molto, e a mio parere se le merita. Voi l’avete letto? Se si cosa ne pensate? Se no è una lettura che vi consiglio. Ciao


G.

Nessun commento:

Posta un commento



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...